Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Anagrafe

 

Anagrafe

I cittadini italiani che si trasferiscono all'estero per periodi di residenza superiori a 12 mesi hanno l'obbligo di iscriversi nell'Anagrafe Consolare entro 90 giorni dall'espatrio definitivo. I Comuni italiani competenti vengono informati successivamente di tali avvenute iscrizioni e provvedono ad aggiornare i propri registri anagrafici, iscrivendo i connazionali presso l'A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero). Tale iscrizione comporta la contestuale cancellazione dalla residenza sul territorio italiano -ovvero dall'A.P.R. - Anagrafe della Popolazione Residente-.

 

 

E' possibile anticipare presso il Comune il trasferimento all'estero; in questi casi però si consiglia di non ritardare l’iscrizione nell'anagrafe consolare, sia per confermare lo spostamento di residenza, sia per evitare la cancellazione per irreperibilità presso il Comune, ai sensi delle attuali disposizioni in materia. Tale cancellazione è prevista anche per i connazionali che, pur essendo già iscritti nell'Anagrafe Consolare, risultino non essere più rintracciabili all'ultimo indirizzo da loro dichiarato.

 

 

Casi in cui gli italiani all'estero non si devono iscrivere -

 

 

Non si deve iscrivere nell'Anagrafe Consolare nè all'A.I.R.E.:

 

 

 a) chi si trasferisce all'estero per l'esercizio di occupazioni stagionali oppure per attività temporanee, e comunque per periodi inferiori a 12 mesi

 

 

 b) i dipendenti dello Stato inviati all'estero per motivi di servizio ed i loro familiari a carico (artt. 8-9, comma b della legge 470/88), purchè notificati alle Autorità locali ai sensi della Convenzione di Vienna del 1961 e del 1963 (ovvero: il personale delle Ambasciate, dei Consolati e degli Organismi internazionali, gli Addetti militari, i Professori universitari, Lettori o Ricercatori, ecc. a carico dello Stato italiano)

 

 c) i militari in servizio presso gli uffici e le strutture della NATO. 

 

 

Modalità di iscrizione

 

 

 

Salvo se diversamente indicato dall'Ufficio Consolare, è possibile iscriversi presso l'Anagrafe Consolare A.I.R.E. presentandosi presso lo sportello dell`Ambasciata d'Italia in Khartoum negli orari di ricevimento al pubblico. 

 

 

Al momento dell'iscrizione è necessario presentare la seguente documentazione:

 

 

  • Modello CONS 01 compilato e firmato dal capo-famiglia italiano (D=dichiarante);
  • fotocopia del passaporto italiano di tutti i componenti della famiglia da iscrivere. Le persone sprovviste di documento d'identità italiano devono presentare: un'altro documento d'identità ed un certificato di cittadinanza italiana in originale; chi è stato derubato o ha smarrito il documento deve presentare fotocopia della regolare denuncia fatta dinanzi alla Polizia. Per i coniugi stranieri è sufficiente una copia di un documento di identità
  • Fotocopia del ’’Permesso di Soggiorno" rilasciato dalle autorita` sudanesi  con validita` di un anno (12 mesi). 

 

L'iscrizione consolare è gratuita.

 

 

 

Obblighi del connazionale iscritto all'Anagrafe Consolare

 

 

I cittadini italiani iscritti devono comunicare tempestivamente per iscritto all’Ambasciata:

 

 

• le variazioni d'indirizzo, il trasferimento presso un'altra circoscrizione consolare ovvero il rientro definitivo in Patria


• le variazioni della composizione del nucleo familiare a seguito di matrimoni, nascite  divorzi e decessi.

 

 

Per comunicare la variazione di indirizzo, il rimpatrio o il trasferimento, è sufficiente inviare una email a cons.ambkhartoum@esteri.it  avente per oggetto "Anagrafe- Cambio indirizzo (o Rimpatrio o Trasferimento)" e contenente i dati anagrafici del cittadino italiano (cognome, nome, data di nascita), i dati della residenza (indirizzo completo, codice postale, località, provincia e Stato, telefono) e i familiari che si spostano assieme al capo-famiglia (coniuge e figli, con i loro dati anagrafici). In alternativa è possibile presentare un modulo di richiesta di variazione agli sportelli della Cancelleria Consolare, oppure inviarlo per posta. 

 

 

 


67